Kevin Costner, filmografia

Pubblicato il da Cetty

Kevin Costner è un attore e produttore americano di successo soprattutto negli anni Novanta. Pochi invece sanno che dal 2007 è diventato anche un musicista rock e, nello scorso anno, ha pubblicato il primo album Turn it on.

Gli esordi

Kevin Costner nasce nel gennaio del 1965 e, oltre ad avere origini tedesche e irlandesi, nelle vene del grande attore scorre sangue indiano per l’unione con una donna cherokee del suo bisnonno. Dopo la laurea in economia, l’incontro con Richard Burton lo convince ad iniziare la carriera cinematografica. Dopo le prime brevissime apparizioni, Kevin Costner esordisce in Indiziato di assassinio (1981) poliziesco di discutibile rilevanza cinematografica, in cui interpreta la parte di un detective che cerca di far luce su una serie di omicidi, film che comunque gli consente di farsi conoscere nell’ambiente tanto che riesce ad ottenere il ruolo di protagonista in Fandango e Silverado che contribuiranno ad accelerare la sua ascesa nel mondo del cinema: sarà accanto a Sean Connery e Robert De Niro ne Gli Intoccabili (1987) di Brian De Palma. Dell’89 sono L’uomo dei sogni, una storia fantastica in cui il protagonista (interpretato appunto da Costner) sente una voce che gli dice di costruire un campo da baseball, e Revenge in cui interpreta la parte dell’ex soldato della marina che scappa con la giovane e attraente moglie di un milionario.

Il successo: Balla coi Lupi

L’anno successivo dirige ed interpreta quello che forse è il suo miglior successo Balla coi Lupi (1990). Tratto dall’omonimo romanzo di Michale Blake (che ne cura la sceneggiatura), il film, ambientato durante la Guerra di Secessione Americana, racconta dell’ufficiale dell’esercito dell’unione John Dumbar e della sua amicizia con una tribù Sioux ai quali si avvicinerà sempre di più fino a diventare uno di loro. Questo film gli valse non solo il grande successo di pubblico e di critica, ma anche sette premi Oscar (tra cui Miglior Regista, Miglior Produttore, Miglior Interprete) oltre all’Orso d’Oro al Festival di Berlino.

Dopo i grandi successi di Robin Hood – Il Principe dei Ladri (1991), JFK – Un caso ancora aperto (1991), Bodyguard – La Guardia del corpo (1992) e Un mondo perfetto (1993), che ne fanno anche un sex symbol per il pubblico femminile, Costner riprova con le grandi produzioni che però non daranno il successo sperato: Waterworld (1995) e L’uomo del giorno dopo (1997) entrambi di ambientazione post-apocalittica.

Da questo momento in poi per Kevin Costner comincia forse un periodo di declino: continua a recitare Tin cup (1996), Le parole che non ti ho detto (1999), Gioco d’amore (1999), Il segno della libellula (2002) ma, ci dispiace dirlo, sembra che il meglio l’abbia già dato.

1 en:Kevin Costner | Kevin Costner 1 fr:Kevin Costner | Kevin Costner

Con tag TV e Personaggi

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post