Beat generation: autori, poesie e capolavori letterari

Pubblicato il da Cetty

Jack Kerouac, poeta e scrittore degli Anni Cinquanta del secolo scorso e uno dei più importanti esponenti del movimento, definisce il la Beat Generation come “un gruppo di bambini all’angolo della strada che parlano della fine del mondo”.

Generazione beat: definizione

In effetti, la beat generation, movimento generazionale che ha visto protagonisti i giovani americani degli anni Cinquanta e Sessanta, parte dall’idea di rifiuto della società consumistica americana e di tutte le implicazioni che questa indissolubilmente porta con sé (tra cui la standardizzazione dei consumi, delle consuetudini, del pensiero umano) nel tentativo di trovare nuove regole e stili di vita, vivendo sulla strada, facendo uso di sostanze stupefacenti con lo scopo di aprire la mente a nuove condizioni mentali ma anche per lenire la sofferenza di vivere in una società che si ha difficoltà ad accettare.

Il movimento beat trova una certa realizzazione non soltanto nell’avvicinamento e nell’approfondimento dello spiritualismo religioso ma anche sociale, con il cosiddetto movimento degli hippies in forte protesta contro la guerra in Vietnam ma anche contro la segregazione razziale dei neri e le discriminazioni sessuali.

Il beat nelle arti

Il movimento beat si manifesta soprattutto nelle arti: musica, cinema e soprattutto poesia e letteratura.

Per quanto riguarda la musica, il genere Beat nasce e si sviluppa negli anni Sessanta tra i giovani inglesi per diffondersi poi nel resto dell’Europa arrivando anche in Italia. Fra i musicisti che hanno contribuito a questo genere di musica abbiano i Beatles, che influenzeranno anche il panorama musicale italiano con gruppi come i Dik Dik, i Camaleonti, Equipe 84.

Nel cinema si hanno esempi di influenze beat soprattutto con l’utilizzo di temi vicini al movimento giovanile e, in relazione all’aspetto tecnico, con nuove sperimentazioni del linguaggio cinematografiche volte soprattutto al realismo.

La letteratura e la poesia sono i campi in cui trova sfogo, in misura maggiore, la beat generation, anche perché in effetti l’input all’avvio del movimento parte proprio dagli esponenti letterari e poetici dell’epoca, tra cui Jack Kerouac, Allan Ginsberg, Neal Cassady che si possono considerare i più importanti esponenti del movimento.

John Clellon Holmes è considerato il primo in assoluto ad avviare il genere beat in poesia, grazie alla pubblicazione di quello che viene definito il primo racconto beat: Go (1952).

Altre opere importanti sono: On the Road (1957) di Jack Kerouac

I sotterranei (1958) di Jack Kerouac

I Vagabondi del Dharma (1958) di Jack Kerouac

Howl (1957) di Allan Ginsberg

Il pasto nudo (1959) di William Borroughs

Per quanto riguarda l’Italia, invece, tra gli esponenti più importanti della poesia ricordiamo: Gianni Milano, Aldo Pirmalli, Franco Beltrametti e, tra gli scrittori Andrea D’Anna, Silla Ferradini e Melchiorre Gerbino.

Beat ..... (83/365)

Con tag Letteratura

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post